Tacchetti a spillo

28ª giornata di campionato

di Silvia Alù e Martina Di Matteo 18 marzo 2014Commenti

Povero Taider, gli capitano tutte a lui, non solo gioca nell’Inter ma ieri ha pure scoperto di avere una fidanzata troia.

Per questo abbiamo una proposta per lui senz’altro vantaggiosa. Gli offriamo un 2×1! Forse è meglio se ci spieghiamo meglio. In questo momento specifico questa Veronica Graf che pare sia la sua fidanzata (oltre ad aver fatto sesso a 4 con Balotelli, il fratello e un’amica, ed essersi fatta Giorgio Alfieri e Higuain) è rinchiusa nella casa del Grande Fratello insieme ad un  altro numero non ben precisato di ragazze facili e ragazzi con il cervello delle dimensioni di una pallina da ping pong e il loro unico passatempo ricreativo è il sesso. È evidente a tutti che il nostro caro Saphir non potrà mai uscire particolarmente bene da questa situazione. Allora lui potrebbe decidere di prendere il toro per le corna, mollare sta cretina e fidanzarsi con noi due, che è vero che abbiamo già due fantastici fidanzati, ma che evidentemente sotto lauta ricompensa probabilmente chiuderebbero un occhio se per un certo periodo di tempo ci facessimo vedere accoppiate con lui. È vero, noi non abbiamo le labbra canottate e il seno di gomma piuma della Graf ma prese separatamente abbiamo comunque una delle belle labbra e l’altra delle belle tette. A lui basterebbe un minimo di immaginazione per mettere insieme le due cose, noi in compenso vorremmo soltanto: una pelliccia di ermellino, un diadema, un superattico a Piazza del Popolo e naturalmente la fabbrica degli sgombri Pinocchio.

Caro Taider ti lasciamo un po’ di tempo per pensarci, ma sappi che alla fine saresti tu quello a guadagnarci di più in fascino e intelligenza, e poi vuoi mettere lo smacco su quella là?

Livorno – Bologna

risultato 2-1

Il Livorno in grande spolvero non vuole retrocedere e noi siamo d’accordo con lui c’è tanta altra merda che dovrebbe andare in B. Il primo tempo procede con un relativo equilibrio. Evidentemente al secondo tempo una volta tornati dagli spogliatoi, i giocatori del Bologna, devono essere stati cazziati per aver combattuto troppo, per questo si arrendono. Forse sentono la nostalgia del tristone Diamanti, forse non vogliono fargli rimpiangere di aver lasciato la squadra per guadagnare 3.500.000 l’anno.

Fatto sta che il Livorno straccia il Bologna per 2-1. Il primo gol è di Benassi al 46’ e il secondo di Paulinho al 52’. Poi il Livorno si sente in colpa, se ne fa espellere due così per sport, per spirito caritatevole. L’ultimo a farsi espellere è Emeghara all’85’ che regala così un rigore al Bologna segnato da Christodoulopoulos che nonostante una superiorità numerica di 11 contro 9 non riesce a concludere nient’altro nei restanti 5 minuti più recupero.

Sassuolo – Catania

risultato 3-1

La sfida tra l’ultima e la penultima in classifica si prospetta come una battaglia all’ultimo sangue, forse l’unica possibilità per il Catania di vincere una partita da qui alla fine del campionato. Infatti il primo tempo si conclude con un vantaggio del Catania al 30’ con gol di Berghessio. Al secondo però il Sassuolo non ci sta e distrugge un Catania inesistente con 3 gol (56’ Zaza, 61’ Missiroli, 89’ Sansone). Il Sassuolo non ci sta a retrocedere, e lo dimostra in questa partitella contro il Catania, dominata e vinta.

Milan – Parma (Antonio Sunseri)

risultato: 2-4

Ottime notizie per il Milan: Abbiati esce per la prima volta imbattuto dal campo ed Essien gioca la sua migliore partita da quando è al Milan… peccato che entrambi abbiano giocato solo 5 minuti.

Per il resto Parma solo Parma con un Cassano formato mondiale e un Balotelli formato Manchester City cioè da panchina.

Il Parma, vera rivelazione del Campionato, rischia seriamente di centrare la Champions League e mai ci saremmo aspettati tali risultati dall’ombroso Donadoni.

Il Milan? Il Milan non c’è, non esiste e mai avremmo pensato di rimpiangere Max Allegri, ma è così, Seedorf non è un allenatore.

La squadra non c’è e ognuno gioca per se stesso.

#squadrapiutitolataalmondo???

#milanistisullorlodiunacrisidinervi

Genoa – Juventus (Antonio Sunseri)

risultato: 0-1

Nei miei commenti io non parlo mai delle vicende arbitrali ma questa volta non posso tacere, l’arbitro Mazzoleni annulla due gol regolari alla Juventus e non le da’ un rigore, assegna invece un rigore a dir poco dubbio al Genoa…. questo se non altro a smentire tutte le inutili dicerie del rapporto tra arbitri e Juventus…. per fortuna la squadra bianconera si rivela più forte degli incompetenti e dei tentativi di bloccare con mezzi illeciti la sua rincorsa e porta a casa la partita.

Buffon e Pirlo formato Coppa del Mondo e speriamo sia un auspicio, il Gigi Nazionale raggiunge Dino Zoff nel numero di presenze con la squadra più forte della storia d’Italia e para un rigore a Calaiò dimostrando di essere intramontabile.

Andreino nostro, invece, si inventa una punizione perfetta che fa crollare il Genoa ad una manciata di secondi dalla fine.

Il Genoa gioca una partita intensa che però senza gli errori arbitrali sarebbe durata 20 minuti non di più. E adesso chiediamo a Conte di non fare sconti e di far giocare i titolari contro la Fiorentina per andarci a giocare la finale a Torino.

#finoallafine

#mangiamocistafiorentina

Verona – Inter (Simone Giuffrida)

risutato 0-2

La squadra di Mazzarri sembra aver trovato continuità, forse anche grazie Hernanes che, sebbene non brilli, a centrocampo c’è e si vede. Il Verona sembra più stanco di quello visto ad inizio campionato sebbene abbia una posizione invidiabile in classifica. La lotta per l’Europa se l’aggiudica l’Inter, questa volta con merito, grazie a un Johnatan in giornata di grazia (un gol su rimpallo e un assist per Palacio che avrebbe segnato anche bendato, fucilato, in sedia a rotelle di spalle e in coma contemporaneamente) e ad un’organizzazione difensiva di livello. Il Verona è poca roba, Toni ci prova cercando un rigore ma all’arbitro fa pena e invece di espellerlo per comportamento antisportivo e metterlo in galera lo ammonisce soltanto.

Atalanta – Sampdoria (Simone Giuffrida)

risultato 3-0

La cura Ludovico Mihaijlovic sembra non dare ottimi frutti. L’Atalanta, dal canto suo, fa la sua miglior partita della stagione così da far sembrare la Sampdoria inestistente. I gol portano la firma di Carmona – tiro al volo dopo uno splendido appoggio di Denis, migliore in campo – Bonaventura di testa e proprio di Denis in contropiede dopo un bellissimo uno-due con Moralez ed un meno eccitante liscio clamoroso di Mustafi.

comments powered by Disqus